cottura ad induzione: perche' ?

Quando parliamo di Piani cottura, esiste una gamma talmente ampia da perderci la testa.

Esistono cucine di ogni genere: a Legna, a Gas, a cottura Radiante(elettrica), a cottura Alogena(elettrica) ed infine ultima per invenzione a Induzione(elettrica).

Tutte nel tempo sono state delle ottime partner per le cucine casalinghe ed industriali, ma con il tempo l'esigenza dei costi di consumo hanno reso sempre più importante capire quali di questi piani cottura potessero essere l'ideale.

Ecco il piano cottura secondo Altro Consumo

NEFF: LE VIDEORICETTE CON I PIANI AD INDUZIONE

Vantaggi:

Facile da pulire, grazie alla superficie perfettamente piana. Nessun rischio che il pentolame si rovesci. Nessun rischio derivante dell'utilizzo del gas (asfissia o esplosioni da perdite). Tempi per l'intensità di calore, istantanei. Nessun rischio di ustioni, perchè l'induzione è attiva solo in presenza di pentolame con fondo magnetico (ferroso), nessuna presenza di fiamma.

1 litro di acqua viene scaldato con: circa 450° per i piani cottura a Gas, di circa 400° nei piani cottura radianti con resistenza o alogeni, e di soli 110° nei piani cottura ad induzione. Questo significa che c'è un dispendio di calore e quindi energia, minimo. Risparmio in assoluto rispetto a tutti gli altri piani ad alimentazione elettrica, inoltre i tempi di cottura sono ridotti notevolmente, rispetto a tutti gli altri.

 

Svantaggi:

Prezzo più elevato, rispetto a tutti gli altri piani cottura, in quanto presenta una tecnologia di controllo dei consumi e della gestione del calore.

Molto del pentolame presente in casa, come quelle in rame, in alluminio, in vetro o in ceramica, non sono idonee alla cottura ad induzione, in quanto non hanno il fondo ferroso magnetico, necessario alla cottura ad induzione.

In Italia, con impianti elettrici standard da 3,3kW, in caso di uso di più zone di cottura e contemporanee di altri elettrodomestici, è possibile che si superi il massimo assorbimento consentito, causando un blackout elettrico da parte del fornitore di energia

Tuttavia i piani cottura ad induzione più recenti, dispongono di Funzione power managemen, come quello esposto in foto da noi, la quale consente di limitare l'assorbimento elettrico da 1 kW in su in base al contatore che si ha in casa.

Scrivi un Commento

Il modulo dei commenti consente di esprimere un'opinione diretta del contenuto. Per questo č necessario inserire un nominativo e l'email (non verrā publicata, sarā necessaria per eventuali informazioni sul contenuto del commento).
Ci riserviamo di filtrare commenti privi di contatti e/o di cattivo gusto.

 
CODE - antispam
Ripetere il CODE